Salty Focaccia with milk and ginger.

focaccia salée avec lait et gingembrefrench version english version italian version (scroll down)

In Italy we grow up eating focaccia, we enjoy it at any age, at any time of the day. You can imagine how much I miss it. In my country, maybe it would never came to my mind to prepare it, but since I’m here I wanted to try. After several disastrous attempts finally I found the texture that I was looking for. The only unpleasant detail of this “adventure” was the absence of my husband at home, because I immediately felt morally obliged to eat all the focaccia. When the first half part of the focaccia was gone, thank God, my reasonable side has decided to bring the other half of it to work and share it with my colleagues. As of this moment, I’m not sure anymore if I’ve made the best decision…. By the way I’ll bring this focaccia to Fiesta Friday #15 hoping that Angie, Jhuls and Selma will appreciate it!

Ingredients:

220 ml of milk + 20 ml of warm milk for the yeast • 400 gr. of flour • about 10 gr. of fresh yeast • 60 ml.of olive oil • 1 teaspoon of honey (or maple syrup) • 1 teaspoon of fresh grated ginger • 12 gr. of salt • coarse salt and olive oil to garnish

  • Mix flour, honey, oil, ginger and milk together;
  • Dissolve the yeast in the warm milk and then mix with flour;
  • Knead for 5-7 minutes by hand or with a food processor, then add the salt and mix again a few minutes;
  • Leave the dough in the bowl for 1 hour and a half, covered and in the shelter of light;
  • Oil your hands (the dough will be really humid) and transfer the dough in a baking tray lined with parchment paper or oiled ;
  • Spread the dough with your fingers, pour more olive oil on top and some salt;
  • Let it rest for 1 hour again, always in the shelter of the light;
  • Preheat oven to 200 °, bake the focaccia for 20 minutes;
  • Turn the focaccia upside down and cook for 5 more minutes.

Focaccia salée, au lait et au gingembre.

 

focaccia with milk with ginger

En Italie, nous grandissons avec la focaccia, nous la savourons à n’importe quel âge, à tout moment de la journée. Vous pouvez imaginer à quel point elle me manque.
Dans mon pays, il ne me viendrait pas à l’esprit d’en préparer une, mais ici dernièrement, je me suis mise en tête d’essayer. Après plusieurs tentatives catastrophiques, finalement j’ai trouvé la texture de ma focaccia espérée. Le seul détail désagréable de cette aventure fut l’absence de mon mari, puisque j’étais moralement obligée d’en manger toute seule la moitié, mais heureusement la partie raisonnable de moi en garda un peu pour la partager avec mes collègues de travail.

Ingrédients:

220 ml de lait + 20 ml tiédi pour la levure • 400 gr. de farine • 10 gr. environ de levure fraîche • 60 ml. d’huile d’olive • 1 cuillère à thé de sucre • 1 cuillère à thé de gingembre frais râpé • 12 gr. de sel • gros sel et huile pour la garniture

  • Mélangez la farine, le sucre, l’huile, le gingembre et le lait ;
  • Faites dissoudre la levure dans le lait tiédi et mélangez-le à la farine ;
  • Pétrissez pendant 5-7 minutes à la main ou avec un robot culinaire, puis ajoutez le sel et mélangez encore quelques minutes;
  • Laissez reposer le pétrissage dans le bol 1 heure et demie, couvert et à l’ombre ;
  • Huilez vos mains et transférez le pétrissage dans un plat à rôtir tapissé de papier parchemin ou huilé ;
  • Étalez la pâte avec vos doigts, versez de l’huile d’olive au-dessus et quelques graines de sel ;
  • Laissez reposer encore 1 heure, toujours loin de la lumière ;
  • Préchauffez le four à 200°, dès qu’il sera chaud, enfournez la focaccia 20 minutes ;
  • Tournez la focaccia et cuisez encore 5 minutes.

Focaccia con latte e ginger

focaccia salata al latte e gineger

Ingredienti:

220 ml di latte + 20 ml. riscaldato per sciogliere il lievito • 400 gr. di farina • 10 gr . di lievito fresco • 60 ml . d’olio d’oliva • 1 cucchiaino di zucchero • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato • 12 gr. di sale • sale grosso e olio per « guarnire »

  • Mescolate la farina, lo zucchero, l’olio , lo zenzero e il latte ;
  • Sciogliere il lievito nel latte tiepido e mescolatelo poi alla farina ;
  • Impastate per 5-7 minuti a mano o con un robot da cucina, aggiungete poi il sale e mescolate ancora qualche minuto ;
  • Lasciate l’impasto nella ciotola per un’ora e mezzo circa, coperto e al riparo dalla luce ;
  • Oliatevi le mani e trasferite l’impasto in una teglia foderata di carta forno o ben oleata ;
  • Stendete l’impasto con le dita, spennellate d’olio d’oliva e spolverate con il sale grosso;
  • Lasciate riposare per 1 ora, sempre lontano dalla luce ;
  • Preriscaldate il forno a 200 °, una volta caldo, infornate la focaccia per 20 minuti;
  • Girate la focaccia e cuocete per altri 5 minuti.

focaccia

 

96 thoughts on “Salty Focaccia with milk and ginger.

    • Oh really? I’m proud to can teach you something! In the conventional focaccia is not supposed to use milk…. but I did in order to use less oil… the outcome was really delicious, I hope you can give it a try! Thank you Angie!

  1. FOCCACCIA ! – yum to the 100th. Or perhaps 500th. 🙂 I should be so happy to have foccaccia in my solo house that I might actually get around to doing this. Except … fresh yeast. Bummer. I’d have to find some place (only the gods know how far away it would turn out to be) to buy fresh yeast. Sighh … always the most wonderful recipes turn out to be beyond my grasp. [sob !]

  2. Pingback: Fiesta Friday #15 | The Novice Gardener

  3. Che con la focaccia ci sia cresciuta (da buona ligure che si rispetti) è un fatto incontestabile. Onnipresente, a tutte le ore, che fosse ripiena o vuota, con la farinata all’interno appena fatta o posta pucciata nel caffè-latte del mattino (perché fortunatamente non sono sempre stata allergica ai latticini). Con tutta sincerità ti dico che ti è venuta una meraviglia, le fossette unte al punto giusto, l’interno morbido e la crosta croccante … quasi mi fai venire voglia di rimettermi a fare colazione!!!
    Ti dò un piccolo consiglio (magari già da te testato), quando arriva la stagione dei fichi belli maturi, (quelli violetti) rifalla subito e appena tiepida mettili dentro (alcuni aggiungono anche il prosciutto, ma a me piace più senza) e gustatela fino in fondo!!!
    Ti mando un abbraccio e te ne rubo un angolino … che è il mio pezzetto preferito 🙂

    • Se una ligure mi dà la sua approvazione allora posso anche rilassarmi. La focaccia, o schiacciata, come la chiamiamo a Firenze, inzuppata nel latte era decisamente la mia colazione preferita. Questa qui a colazione non ci è arrivata, ha avuto vita breve. Questo trucco di fichi e prosciutto me lo segno…. Dalle mie parti i fichi si trovano tutto l’anno… vietato chiedere da dove vengono, ma cmq ci sono. Grazie mille Martina e a presto!

  4. I always thought focaccia was a salted bread variety, but since you call it salée here, I suppose there must be sweet versions as well…Since my husband it´s so much into ginger, I might try a “salt only” version” , so thanks al lot for the recipe! (PS: I guess I would´ve eaten it all up.)

    • You’re pretty right. Focaccia, or schiacciata, how I call it in my hometown, in most cases is salty. There are a few sweet variations (my grandmother has one recipe with dry fruits). I have to admit that when I wrote the title, it sounded weird even for me, but I didn’t want make people wrong because of the milk, which is an unconventional ingredient for a focaccia. Thank you a lot for your comment!

    • It has been the texture to stitched me up! It was so good!
      I really hope you can give it a try, I’m sure with your “food heritage” you can give it an interesting contribute! thanks a lot for stopping by!

    • Grazie mille! Sono stati contenti, soprattutto la mia collega italiana… c’e però stato qualcuno che ha fatto delle obiezioni sul fatto che come “pane” fosse troppo salato… Ho provato a spiegare che la focaccia si deve differenziare dal pane, ma poi ho capito che se mangiano le fettuccine con la panna insieme alla fettina di vitello al pomodoro, era inutile continuare!!!

  5. Hi Margy – What a great dish to bring with you to the party! The texture and colour of the focaccia look absolutely perfect in your glorious photos…I can see how you managed to indulge in this! I love the addition of ginger and look forward to trying this recipe. Enjoy the fiesta!

    • Me neither Laura… but since lately I’m trying to use ginger everywhere I’ve tried to put even here. Ginger brought such a nice flavour to this focaccia that I made it twice in 3 days!
      Thanks a lot for you comment!

  6. Chiamiamola come si dovrebbe chiamare…LA SCHIACCIATA! Anche se non ci dovrebbe essere il latte 🙂 quindi hai ragione te, è la focaccia…l’aspetto mi sembra molto invitante quindi direi che ti è venuta bene anche dall’altra parte del mondo tesoro! E’ proprio vero comunque, certe cose, certi sapori, non verranno mai a noia!
    Un bacione grande :*

    • Avevi letto ieri il tuo commento di sfuggita mente ero a lavoro… ho riso un sacco. Tu puoi capirmi, sai che fatica ho fatto a chiamarla FOCACCIA invece di SCHIACCIATA ( o schiacciathha). Ci ho pensato e ripensato, ma avevo paura di confondere il pubblico straniero… infatti ci ho messo il latte, giusto per sentirmi meno in colpa! Fra 10 giorni sono a Firenze, già inizio ad avere le “voglie”… un tour di forni non me lo leva nessuno! baci a te Berry!

  7. Una delle mie prossime sfide è questa, proprio questa! La pizza, o meglio, la focaccia, pronta da farcire in mille modi! Pian piano come una montanara scalo le vette dei miei desideri culinari e sorrido a chi me li ricorda… 🙂 Da sempre pizza e focaccia li associo a pranzi “sociali”, con più persone, con cestini pieni di carboidrati che passano di mano in mano e gioia nel mangiarli… e nel finirli… 🙂

    • Se anche questa “prova” ti viene come ti sono venuti quei tagliolini, allora vorrei essere dentro il cestino che preparerai… con pizza e schiacciata i carboidrati non contano, il guadagno in umore e gusto è decisamente superiore! grazie mille Francesca…

  8. I am so curious as to how the ginger would taste with the milk in focaccia! The texture does really look wonderful from what I can see in the photos. It looks crisp, buttery and light and chewy too. I once made “Milk Bread” from the James Beard “Beard on Bread” recipe and my Dad said that all bread should be milk bread, so I think it must add a wonderful something-or-other to bread. But the ginger and sale — I am truly intrigued! Too bad your husband did not get to sample some . . .sigh.

    • As I said in some previous comments is my “ginger moment”. I’m trying to use it as much as I can, and so far It has never disappointed my expectations, even in this focaccia! I’ve use just a teaspoon of fresh ginger, I bet that with something more the taste can be better! You make me curious about your “milk bread”….
      My husband was lucky, I made the focaccia a second time, when he was home! thanks a lot for your comment, have a great evening!

  9. Io la focaccia la mangiavo sempre a scuola per merenda! Andavo tutte le mattine con mio padre a comprarla dal panettiere vicino alla scuola! Che meraviglia! E poi, ognu qualvolta si andava in Liguria, ne facevamo scorpacciate, soprattutto di quella con la cipolla, che io amo più di tutte. Non mi risulta difficile credere che ti manchi molto, come del resto ti mancheranno altre cose dell’Italia, ma mi sembra che l’esperimento sia riuscito bene! Non riesco ad immaginare il sapore dello zenzero! Mi hai incuriosita!
    Un abbraccio!

    • Non ho la presunzione che la mia focaccia potesse essere buona come quella Ligure, ma per essere in Canada si è difesa più che bene…. ci sono molte cose che mi mancano dell’Italia, nonostante qui riesca a trovare molte più cose. Fra un po’ sarò a casa ho già cominciato a fare gli ordini alla mamma! Grazie per essere passata da queste parti, a presto!

      • Provata e ci è piaciuta tantissimo,l’abbiamo tagliata a metà e riempita di mortadella 🙂 Ci è piaciuta talmente tanto, che il mio compagno mi ha detto che la vorrebbe trovare tutti i giorni, è buona anche il giorno dopo …Quindi oggi la rifaccio con la metà del cubetto di lievito avanzato 😉 Grazie della ricetta SUPER!!

  10. Lovely focaccia, something I am still yearning to make. As you pointed out though, my problem will be that I won’t be able to stop eating it as I would not want to waste it! Good idea to bring the remainder to work to share. 🙂

  11. Hi, Margy! Thank you for the mention. Of course, we love this treat of yours. Thank you for bringing this to FF15. ❤

    I understand what you feel about eating alone – it's like the food is always too much. I also bring some at work when I know that I can't finish the food all by myself. 🙂

    This bread looks really good. Why couldn't I make a good bread? 😦

    Hope you have a lovely week, Margy! ❤

    • After some bad attempts with other recipes, the texture was exactly I was looking for. Maybe because of the milk… Ginger gives an fresh flavour to the dough. Thanks a lot for your nice comment, have a great evening!

  12. …e come sempre capisco benissimo cosa significano certe mancanze!!!! La focaccia mi ricorda in particolare il periodo della scuola, calda, croccante e con la mortadella, cerco di riprodurla qualchevolta ma il risultato non mi sembra mai uguale 😛
    Ti auguro una magnifica settimana 🙂

    • Quando si dice focaccia, o schiacciata come la chiamo io, la prima cosa che mi viene in mente è mortadella. Uno degli accostamenti più riusciti in fatto di cibo… fosse solo per l’odore! Io come te ho fatto diversi tentativi, più o meno riusciti. Questo il migliore. Grazie mille per il commento Patrizia, buona settimana anche a te !

  13. lo dico sempre io che sei troppo buona! 😀 Ci vuole fegato e prendere il coraggio a due mani per condividere metà focaccia!!!! 😀 Ma conosco mooolto bene quel senso di “colpa” nel mangiarla tutta a tradimento!
    Sai che con il latte non l’ho mai fatta? Deve essere morbidissima dentro e con quella crosticina croccante fuori che….mmmmm….sono le 7 del mattino e ho appena finito uan colazione degna di uno che deve scalare il k2! non posso già avere voglia di focaccia!!!!!! Te possino… 😀

    • Non era bontà la mia, ma bensì sopravvivenza! In Canada i forni sono molto più larghi di quelli nostri, le teglie da forno sono proporzionate…. ti rendi quindi conto cosa non mi sono mangiata da sola??? Tanta era la gola che non sono riuscita a fare una foto intera… L’ho azzannata prima di tirare fuori la macchina fotografica! Mi dispiace averti messo nuovamente fame…. ma tu puoi sempre andare ad un forno e comprarne un pezzetto!!!! BEATA! : )

  14. Comment j’ai pu rater ta Focaccia, j’en ai devore aussi bien dans le Sud de la France qu’a Ventimiglia. C’est tellement bon, thank you so much for sharing this lovely bread 🙂

    • La Region de Liguria (où Ventimiglia est située) est très très connue en Italie pour la focaccia… je peux bien comprender de quoi tu parle et je peux aussi dire que à ta place j’aurais fait la même chose!!! Merci Linda pour ce joli commentaire, c’est gentil!

  15. i tuoi colleghi devono essersi sciolti di fronte a questa bontà…che è croccante si vede dalla foto…provo solo ad immaginare l’aroma dello zenz

    • Mica vero sai??? La collega italiana è sicuramente quella che ha apprezzato di più… c’è stato qualcuno che ha provato a darmi consigli… ma visto che trattasi di un mangiatore di “salsa alfredo” famigerata schifezza nord americana, ho preso il consiglio e l’ho voluto dimenticare dopo un secondo!
      Lo zenzero è stato un colpo di testa… non ne ho messo molto, ma é cmq riuscito a profumare tantissimo l’impasto!

  16. The first time I had fresh focaccia was in the a kitchen in Ireland. The pastry chef was panicking about getting just the perfect texture. That just meant many batches of focaccia for me. I can’t wait to try it at home! With less stress!

  17. Buona la schiacciata fiorentina ogni volta ne faccio scorta e la tua deve essere buona sempre a colazione, a pranzo e a cena!
    Baci grandi e bellissimo il tocco dello zenzero.

  18. Ti aspetto… con la schiacciata del “Forno Guasti” tra le mani, e poi facciamo un bel pranzo in giardino con tutto ciò che ti manca di casa!
    un abbraccio
    Marti

  19. Ahhhhhhhhh la focaccia…. Potrei viverci, liscia, ripiena, con affettati, con il formaggio e anche con la marmellata è favolosa…. Splendida, croccante e morbida nello stesso tempo…. Un abbraccio!

    • La mia nonna me la faceva sempre inzuppare nel latte…. e non era per niente un grande sforzo… credo di averla mangiata anche con la Nutella…. pensa un po’!!! Grazie mille per il tuo commento, un abbraccio a te!

  20. latte e zenzero possono voler dire una cosa sola. che tu al solito sei 10 passi avanti : )
    ad ogni modo, chi non è cresciuto a focaccia? o magari a pizza? qui a Roma dove ogni angolo, ogni marciapiede ospita almeno una, due, tre pizzerie\forni dove rifornirsi durante la giornata la focaccia è all’ ordine del giorno.
    Io ricordo la pizza bianca al taglio (quella romana) che mia nonna mi comprava al mattino, incartata nella carta da salumiere marroncina e leggera, talmente leggera che si ungeva subito dell’ olio e sale della pizza…
    la focaccia un po’ più alta era riservata ai giorni di festa.
    una focaccia con latte e zenzero me la sognavo proprio : )))))
    ha un aspetto magnifico…
    bacio!

    • No no io non sono avanti, sono una che va in fissa con alcuni ingredienti. Ora il re della cucina è il ginger…. ma ho avuto il periodo dei broccoli, fai te. So che i puristi non amerebbero questa contaminazione, ma se c’è una cosa che mi piace fare è sperimentare. Fallimenti compresi. La prima volta che ho fatto questa schiacciata il sapore era ok ma era dura come il muro, avrei potuto zepparci il tavolo.
      Cmq la focaccia è mitica, un confort food per eccellenza, carta unta e zero tovaglioli, giusto??? Baci a te Serena!

  21. Oh wow, this looks SO amazing! The texture looks so fluffy and tempting – and ginger is such an unexpected flavor in focaccia (at least from my perspective)…delicious!

  22. Margherita, you can bring this acacia to my home, seeing as we live in the same city, and I know I will definitely appreciate it! It’s gorgeous! I will have to make this for my daughter Charlotte as she LOVES focaccia.

  23. Your foccacia is so, so beautiful Margherita! Love that golden crust and the lovely pockets of air. I’ve never made a foccacia with ginger before but I can imagine how delicious it would be… I am definitely going to try your recipe! Thanks lovely. Hope that you are going well xx

    • Laura, I’m so sorry I’ve realized that I’ve skipped your comment (not on purpose, of course!) . Thanks a lot your lovely comment, I hope that you can find a few hours to make it, it,s worth it!

  24. OOOh what a perfect looking bread: such a light crumb, such a golden crust!! Thanks for stopping by my blog – as it made me discover yours 🙂

  25. Pingback: Baking Therapy: Focaccia with Pink Lemonade Blueberries, Fresh Ginger & Grey Salt | birgerbird

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s